IL MIO MESSAGGIO AL PRESIDENTE MATTARELLA

 

Caro Signor Presidente Mattarella,

mi chiamo Daniele Pulciani, Andrea Daniele per gli amici, e le parlo in qualità di cittadino della Repubblica Italiana. Lo faccio in rispetto dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e del 1° articolo della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani:

Art. 21:“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”.

Art. 1: “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spiriti di fratellanza. Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna per ragioni di razza, colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di ogni altra condizione. Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del paese o del territorio cui una persona appartiene, sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi limitazione di sovranità”.

Caro Signor Presidente Mattarella, le parlo in “spirito di fratellanza” e in qualità di cittadino della Repubblica Italiana e abitante del Pianeta Terra per diritto di nascita universale.

È in atto il più grande reato contro l’umanità a livello mondiale che sia mai stato compiuto sin dall’inizio della storia dei tempi. Un esperimento sulla popolazione a cielo aperto. Niente può essere paragonabile a ciò che sta accadendo in queste ore nel nostro Paese e in molte parti del mondo in cui vengono, a più riprese, violati, uno dopo l’altro, tutti di diritti Costituzionali ivi inclusi quelli della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo. (Secondo la Corte Penale Internazionale. AIA).

La cosa che considero assurda e che a violarli non è un “uomo” qualunque. E’ un politico che dovrebbe essere garante della legge stessa, ma che, direttamente o indirettamente esercita una azione a danno di un altro “uomo”, il Cittadino italiano in questo caso, per cui quella Legge Costituzionale è stata fatta.

Lei, nel suo silenzio, sembra che stia legittimando la violazione dei diritti Costituzionali che vengono usati impropriamente dalle forze di governo contro il cittadino. A dimostrarlo è la totale assenza di considerazione del popolo e delle sue necessità. La  politica che infrange, viola o usa impropriamente o a propria descrizione la legge costituzionale o il potere conferitogli dal popolo, conferisce e legittima la perdita del potere legislativo e giuridico stesso dell’attuale Governo.

Il Governo che viola la Costituzione non è più un Governo.

Personalmente Signor Presidente Mattarella, io non faccio parte di questo Governo, noi italiani non siamo questo Governo, noi Signor Presidente siamo “GOVERNATI” solo dall’Amore, unica vera LEGGE. 

E’ a conoscenza di tutto ciò? Sa cosa vuole dire all’atto pratico? Nel mio piccolo credo che tutto ciò possa significare che Lei e il Governo che rappresenta state esercitando impropriamente o indebitamente un potere giuridico e costituzionale che noi cittadini vi abbiamo conferito e lo state usando, visto i fatti e le difficoltà e l’incapacità, contro di noi aggravato dal fatto che, in una situazione del genere, non state tenendo in nessun conto della popolazione e senza interpellarci.

Lei come Presidente della Repubblica Italiana rappresenta la massima figura istituzionale e non può non essere sensibile alla Costituzione Italiana di cui lei è garante. È sorprendente infatti, assistere come, a più riprese, tutte le forze politiche, le forze dell’ordine, i giornali, la stampa, i mezzi di comunicazione pubblica non facciano altro che fare riferimento solo ad aspetti negativi riguardo lo stato pandemico (e non di pandemia) e di irresponsabilità mediatica nella diffusione e gestione delle informazioni, senza per nulla tenere in considerazione parole o messaggi di fiducia, incoraggiamento, aiuto, fattiva collaborazione verso la popolazione in difficoltà, se non per quella “comunicazione”, che non fa altro che aggravare lo stato di salute psicologica e di sfiducia personale della popolazione italiana.

In qualità di cittadino, come dovrei considerare questa sua azione? Non è per caso lesiva dei miei e dei nostri diritti, inclusi i suoi in qualità di cittadino?

Forse Lei non lo sa, ma ogni giorno che passa, sempre più italiani stanno perdendo la fiducia nei suoi e vostri confronti e forse questo è davvero un bene perché, come forze politiche, l’Italia non è della politica ma bensì è del popolo che ne esercita la sovranità e Lei, ancora prima di essere il Presidente della Repubblica Italiana è un cittadino come noi. Qualora non lo sapesse le ricordo che viene prima il cittadino e poi il “politico”.

Il politico nasce dal cittadino e non viceversa.

Premesso ciò quello che sta accadendo in questo momento in Italia e nel Mondo visto la violazione di tutti i diritti umani presenti nella nostra Costituzione Italiana, potrebbe essere valutato come “Reato contro l’umanità”, ovvero quei reati di “guerra” o reati di criminali, compiuti da singoli individui ai danni della popolazione. Mi riferisco in particolare alle misure restrittive adottate dal Governo e tutte le misure che attualmente il Governo sta attuando e che sono del tutto incostituzionali, illegittime, illegali e lesive dei diritti umani.

Caro Presidente Mattarella, Lei è a conoscenza di ciò che sta accadendo in questo momento e di quali sono le sue responsabilità?

Glielo lo ricordo in qualità di cittadino sovrano e in spirito di fratellanza perché noi tutti italiani, in qualità di cittadini della Repubblica Italiana e in rispetto della Costituzione Italiana, abbiamo una visione diversa dalla sua o dalla condotta del Governo che sembra operare solo nell’ interesse politico, finanziario e istituzionale.

Noi abbiamo una visione differente che più avanti le spiegherò.

Una ad esempio?

  1. Noi non siamo per l’indebitamento finanziario per uscire dalla crisi. Non siamo più per nessuna forma di prestito finanziario e questo ha tanto un valore finanziario quanto umano che Lei dovrebbe conoscere bene.
  2. Non siamo per un uomo solo al comando come nel caso “storico” della Nave Concordia del Capitano Schettino.
  3. Non siamo per i vaccini obbligatori.
  4. Non siamo per il 5G.
  5. Non siamo per l’App “Immuni” (che mi rimanda all’ immunodeficienza).
  6. Non siamo per nessuna delle vostre azioni perché non riconosciamo più la persona, l’essere umano, il cittadino che dovreste rappresentare ancora prima del politico.

DECADE PERTANTO DA QUESTO MOMENTO OGNI NOSTRO MANDATO NEI VOSTRI CONFRONTI.

A tal proposito, mi domando, come sia possibile che un Governo e tutte le forze politiche, chiedano ai propri cittadini di indebitarsi ulteriormente di fronte già a una situazione di emergenza così grave? Lo capirebbero anche i bambini che è solo una manovra “salva governo” e non Salva Italia.

L’Italia sarà salvata dagli Italiani Caro Signor Presidente.

Inoltre, com’è possibile che il cittadino italiano abbia più paura dei controlli delle forze dell’ordine che non del contagio stesso? L’illegittimità dell’Autocertificazione lo hanno compreso tutti. Lei, Caro Presidente Mattarella, è a contatto con la realtà? Come mai non si esprime riguardo a queste tematiche fondamentali che violano tutti i diritti Costituzionali? Come la dobbiamo considerare?

 

IL PROCLAMO DEGLI ITALIANI

Io Signor Presidente, in qualità di Cittadino del Mondo e della Repubblica Italiana, in virtù del potere che mi è concesso dalla Costituzione Italiana la sollevo dal suo incarico, chiedendole di rimettere il mandato a lei affidato per presunte o gravi irregolarità nell’esercizio delle sue pubbliche funzioni e che le chiediamo prontamente di motivare.

 

Noi Signor Mattarella, la informiamo che stiamo costruendo una Nuova Umanità, un Nuovo Mondo, Una Nuova Nazione e un Nuova Vita che si fonda unicamente sul rispetto etico dei valori umani alla base del rispetto delle regole.

Non abbiamo bisogno e non vogliamo più un Governo che ci “governi” (sfrutti) in questo modo.

Abbiamo bisogno piuttosto più di leader che mettano al primo posto l’uomo, il cuore e la sua anima, che amano l’umanità e non innamorati del denaro, del potere o succubi della politica. Siamo molto più maturi di quanto si possa pensare e sapere, o forse già lo sapete ecco perché vi comportate così nei nostri confronti.

Signor Mattarella, noi cittadini contribuiremo a livello sociale e istituzionale per venire INCONTRO e non contro lo Stato, sarebbe del resto andare contro se stessi. Non vogliamo e non faremo nessuna rivoluzione e non siamo qui per giudicare o condannare nessuno, siamo qui per unirci in una grande e unica famiglia, uniti nel cuore e nella reciproca fiducia e non più separati dai partiti politici, da leggi ingiuste, siamo qui infatti per contribuire con la nostra forza e il nostro lavoro di Cittadini, sovrani della Repubblica Italiana, a questo cambiamento e per piacere, inviti tutte le forze politiche a smetterla di “comandare” o governare come state facendo in questo momento creando solo disuguaglianze, favorendo giochi di potere e di voti, esasperando gli animi e le tensioni o coprendo gli interessi di una Unione Europa mai esistita. Noi non siamo europei o americani, indiani, giapponesi e cinesi.

Noi siamo un’unica Grande Umanità e non c’è nazionalità che possa più separarci.

Lo sa questo Presidente?  Sa di cosa stiamo parlando?

Il mio, Signor Presidente, è un appello affinché lei possa comprendere il mio messaggio e uscire fuori da Palazzo e immergersi nella vita quotidiana da Cittadino Italiano. Questo è l’atteggiamento di un Vero Leader o Presidente della Repubblica. Le darebbe davvero tanto onore, sarebbe molto più umano di quanto non appare in questo momento!

In conclusione, e prima di parlarle del nostro Progetto per l’Italia, quel Progetto che presto ogni italiano si unirà per costruire, le voglio anche ricordare la presunta “separazione” dei poteri politici dai poteri civili che oggi sia il Governo, che ogni reparto istituzionale e le forze politiche stanno determinando con la loro presunzione, portano avanti azioni senza più nessuna consapevolezza e alcun diritto del cittadino, fatto salvo ovviamente per le dovute eccezioni.

Separazione dai poteri politici dai poteri civili in capo al Cittadino.

Questa è, di fatto, l’attuale situazione che emerge analizzando la condotta del Governo da una parte e dei Cittadini dall’altra che tra di loro sono separati o in perenne litigio. Ma forse questo Lei già lo sa.

Concludo Caro Signor Mattarella, che come cittadino mi sto adoperando per aiutare più persone possibili affinché si comprendano le gravi irregolarità del Governo da Lei rappresentato facendo cultura, informazione, contro informazione e, soprattutto, educando le future generazioni.

Vengo ora al nostro Progetto.

“L’AMORE VINCE SEMPRE. AMOR VINCIT OMNIA”

Sta nascendo un Nuovo Mondo Signor Presidente. Ne è a conoscenza? Vuole che gliene parli?

Molti Cittadini Italiani e di gran parte del mondo, spinti dal vostro e nostro egoismo e dalla vostra e nostra sete di potere, stanno sentendo nascere nel loro cuore una nuova consapevolezza, una nuova verità e mentre vedono crollare a pezzi l’attuale modello sociale sanno già in cuor loro cosa sta succedendo, che mondo sta nascendo, un pò come fa la Fenice quando rinasce dalle proprie ceneri.

Ecco cosa state favorendo e, in qualche modo, vi dobbiamo essere anche grati.

Ciò che sta accadendo sta facendo emergere la voglia di cambiare. Una vera azione di cuore infatti farà nascere un nuovo paese, un nuovo e più etico senso di civiltà e di come tutto ciò che sta accadendo ora non sta facendo altro favorire e far emergere quel livello di consapevolezza, coscienza e forza interiore necessaria a dare la spinta che serve per la nascita di una Nuova Umanità. Che ci spingerà a cambiare.

Non lo trova incredibile? Più è forte la vostra azione e maggiore è la spinta che ci state dando a cambiare.

Sta nascendo un senso più umano, etico e spirituale di prenderci cura gli uni degli altri passando dalla speculazione e dalla competizione (Lei e le Forze di Governo Signor Presidente vi trovate ancora qui) alla collaborazione, unione e comunione delle nostre forze.

Questo è uno dei temi importanti perché tratta il ribaltamento dell’attuale paradigma sociale ed esistenziale. Tutta la nostra società infatti ci vede lottare gli uni contro gli altri per sopravvivere, per un tozzo di pane, per una fetta di mercato, ma noi, Signor Presidente, siamo molto più intelligenti e coscienti e vogliamo costruire tutti insieme un nuovo inizio. Con o senza di voi.

Questa volta liberi da tutti i condizionamenti che ci limitano oggi nell’esprimere il nostro pieno potenziale umano. Del nostro valore come esseri umani così come definisce la LEGGE.

Naturalmente, tutto ciò, non sarà per tutti, perché questo significa fare un salto di qualità intellettuale, culturale, morale, storico, civico e spirituale, ma questo processo è ormai inarrestabile e noi siamo pronti più che mai. È solo una questione di tempo perché, come cittadini e anime, ci stiamo risvegliando e accorgendo che avete tradito la nostra fiducia (ve lo abbiamo permesso noi per la nostra ingenuità) e non siamo più disposti a continuare ad essere vostri complici o “servi”.

“L’amore vince e vincerà sempre”. Questo è il nostro motto.

In qualità di Presidente dell’Accademia del Cuore stiamo portando avanti un programma di rieducazione etica e sociale dell’essere umano centrato ai valori del cuore e allo sviluppo del talento per favorire lo spirito di collaborazione e di fratellanza, il rispetto, la giustizia, la verità e la libera espressione individuale, così come stabilito dalla Costituzione Italiana e dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Non possiamo infatti pensare di avere una società migliore se continuiamo a comportarci come stiamo facendo oggi ignorando i nostri valori umani. Ricordo infatti che non si parla solo di “diritti”, ma bensì di VALORI.

Piuttosto iniziamo a studiare e approfondire l’importanza della conoscenza dei valori umani, L’AMORE IN PRIMIS perché non è più possibile chiedere il rispetto delle regole quando siamo noi i primi a non rispettarle e non conoscere cosa sono i valori.

Come sappiamo, la LEGGE, stabilisce che vengono prima i valori che le regole e se una “regola” viola il valore dalla quale è nata è illegittima. E’ per questa che è stata fatta la Costituzione Italiana Signor Presidente.

Ecco allora che ogni persona è chiamata a “ri-educarsi” alla conoscenza dei valori alla base delle regole per il rispetto e la dignità delle differenze. Da dove partire? Proprio dalla differenze e da una nuova visione della vita, e questa volta, “illuminata sul piano spirituale” perché ormai lo sappiamo tutti, o quasi, che la vera vita è nell’Universo dal quale nasciamo e arriviamo.

“Benedetto sia il Signore, che è imparziale con tutti. Egli dice: Non froderai il tuo prossimo. Il tuo prossimo è come tuo fratello, e tuo fratello è come il tuo prossimo (Tanna debe Eliyahu R.15). Il forestiero dimorante tra di voi… tu l’amerai come te stesso”.

(La Torah)

“Non possiamo invocare Dio come Padre di tutti gli uomini, se ci rifiutiamo di comportarci da fratelli verso alcuni tra gli uomini che sono creati ad immagine di Dio. L’atteggiamento dell’uomo verso Dio Padre e quello dell’uomo verso gli altri uomini suoi fratelli sono talmente connessi che la Scrittura dice “Chi non ama, non conosce Dio”.

(1Giovanni 4,8)

“Tutte le persone sono uguali come i denti di un pettine. Non esiste alcun motivo di superiorità di un arabo su un arabo, di un bianco su un nero o di un uomo su una donna. Solo le persone timorate di Dio meritano preferenza di fronte a Dio”.

(Profeta Mohammed)

Mi sento di dire che in quest’ultimo caso, quando si parla di “timore di Dio”, va inteso che il timore non è avere paura di Dio o della Sua Giustizia. Significa invece che ii senso di Giustizia che dimora dentro di noi va inteso come forma di amore e rispetto verso il mondo, il prossimo, la vita e l’universo.

Noi stiamo parlando, Signor Presidente, di quell’Amore che salva la vita e che ci fa essere vivi anche senza avere più nulla. Stiamo parlando di “quell’amore che muove le stelle” e che nessuno o quasi nessuno tra di voi parla e agisce in spirito di fratellanza per aiutare il popolo italiano, e non stiamo parlando solo di un amore romantico, ma bensì della forma più alta di consapevolezza che esiste. Stiamo parlando della verità e della giustizia come forme di rispetto umano e del prossimo, partendo proprio da se stessi.

Non a caso viene detto che “l’Amore vince sempre”.

Concludo Signor Presidente, informandola che noi italiani, una considerevole parte, come l’intera popolazione mondiale, vi stiamo lasciando fare, stiamo lasciando che le cose accadano perché questo farà emergere la verità riguardo una insana condotta istituzionale, morale, giuridica e civile e che un domani potrebbe essere certamente valuta come un possibile “Reato contro l’Umanità” e sarà grazie proprio a ciò che saprete esprimere e manifestare che noi stiamo capendo da una parte chi siamo stati sinora, e che vogliamo cambiare, e dall’altra da che parte stare da oggi.

Noi, Signor Presidente, vinceremo grazie all’Amore, alla nostra forza interiore, perché noi italiani, noi esseri umani, in ogni cosa che facciamo, non solo ci mettiamo la faccia, ma anche il Cuore e l’Anima per esprimere, anche questa volta, il nostro valore universale ampiamente condiviso, l’aiuto verso prossimo e non più solo ed esclusivamente il suo sfruttamento.

Perchè, Signor Presidente, qualora non lo sapesse, sta nascendo un Nuovo Mondo, più onesto, giusto e libero e noi “siamo nati per essere liberi”.

Andrea Daniele Pulciani

Autore, scrittore, formatore

 

PS: Se sei d’accordo con quanto letto ti chiedo di condividerlo e renderlo un messaggio virale da portare a tutti!!!

Per qualsiasi esigenza puoi conttarmi al numero di cellulare 3347467850.

Grazie!!!

4 Comments

  1. Andrea ti ho letto tutto d’un fiato e sei meraviglioso le tue parole veramente sgorgano dal cuore piene di coscienza di riconoscenza di equilibrio e danno veramente una grandissima fiducia davvero ringrazio Dio per averti incontrato anche se ti conosco solo telefonicamente sei una persona straordinaria e hai una grande missione su questa Terra Grazie di esserci Grazie grazie grazie rileggerò il tuo messaggio perché veramente mi disseta mi disseto dal punto di vista animico ed è qualcosa di straordinario Grazie perché stai veramente rimettendo luce e ordine la dove c’era caos Grazie
    Simona

    • Simona, grazie di CUORE per le tue bellissime e nutriente parole!! Grazie a te e al bellissimo percorso che stai facendo…

  2. Andrea ciao sono Tatiana ti ho letto tutto con piacere e sono d’accordo con te… Sono un’amica di Sonia mi ha fatto piacere conoscere una persona come te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloPost comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.